Dal 1° Aprile al via il progetto di reingegnerizzazione dell’Omeo in Italia

Partirà nel mese di aprile un ambizioso progetto di adattamento di una delle piattaforme più moderne per il trasporto metropolitano e regionale, l’Omneo, prodotto dal colosso Bombardier e attualmente già utilizzato in territorio francese. Il progetto di reingegnerizzazione sarà effettuato all’interno dello stabilimento di Vado Ligure e si renderà necessario per venire incontro alle regolamentazioni vigenti, pur mantenendo inalterate le prestazioni e le caratteristiche funzionali.

L’Omneo è oggi l’unico treno (regionale, metropolitano ed intercity) in grado di configurarsi allo stesso tempo come monopiano e doppiopiano, utilizzando una piattaforma a struttura flessibile, e dotato di tutti i più moderni comfort per garantire un viaggio sicuro e in totale comodità. Il mezzo infatti utilizza un sistema di trazione a potenza distribuita, permessa dall’applicazione di speciali motori sui carrelli, che permettono il pieno utilizzo degli spazi interni del treno e rendono l’intero complesso molto più silenzioso rispetto agli altri modelli. La particolare strutturazione consente di utilizzare il sistema del doppiopiano, aumentando di circa il 35% la portata dei convogli, a cui si aggiungono gli accessi di tipo metropolitano che contribuiscono alla riduzione dei tempi di salita e discesa dai convogli e, conseguentemente, a quelli di sosta e percorrenza delle tratte.

Nonostante la difficile situazione del mercato italiano, la società ha deciso di investire in questo campo, supportata anche da fondi della Regione Liguria, consapevole della necessità di rinnovo del parco rotabili, che presentano attualmente una media di circa 23 anni, decisamente superiore a quelle che si registrano in ambito europeo, a cui si deve aggiungere un costante aumento dei passeggeri. Gli utenti potranno così usufruire di un servizio qualitativamente superiore, aumentando allo stesso tempo le prestazioni globali e ottenendo maggiori ritorni economici. Anche Amedeo Fumero, Capo Dipartimento del Ministero dei Trasporti, nel corso del convegno di Asstra ha sottolineato la necessità per l’Italia dell’acquisto di nuovi treni, proponendo la costituzione di un “Rosco”, una società adibita alla programmazione e alla gestione degli acquisti relativi al materiale rotabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...